La Farsa del Maestro Pathelin

Spettacolo del 01/06/2018

Teatrale in Casa Almo

Regia: Maurizio Tonelli

Traduzione e adattamento: Caterina Zarelli - Maurizio Tonelli

Cast
Pathelin - Massimiliano Messere
Guillemette - Patrizia Angelone
Guillaume - Simone Tesini
Agnelette - Rachele Carbone 
Menestrello/Giudice - Nicola Olla

Foto Spettacolo

Foto altre provenienze

Foto pre spettacolo

Foto post spettacolo

Articoli

Ringraziamenti finali

Foto Salvatore Senna

Locandina

Spettacolo del 30/03/2018

Teatrale in Casa Almo

Regia: Maurizio Tonelli

Traduzione e adattamento: Caterina Zarelli - Maurizio Tonelli

Cast
Pathelin - Massimiliano Messere
Guillemette - Patrizia Angelone
Guillaume - Simone Tesini
Agnelette - Rachele Carbone 
Menestrello/Giudice - Nicola Olla

Note di regia


Pathelin (Massimiliano Messere) è un avvocato senza clienti, e imbroglia l'ottuso mercante di panni Guillaume (Simone Tesini): il mercante va in casa dell'avvocato per riscuotere il prezzo di una pezza di stoffa, ma Pathelin si fa trovare a letto delirante. La moglie di Pathelin (Patrizia Angelone) convince il mercante che c'è stato un errore di persona. Il mercante è stato vittima, oltrettutto, di un furto di pecore da parte di una pastorella Aignelette (Rachele Carbone) (nella versione originale è un pastore di Aignele): Guillaume lo cita davanti al giudice, ma la pastorella è difesa da Pathelin. L'avvocato consiglia alla pastorella di rispondere alle domande del giudice (Nicola Olla) con dei belati. Al processo è la confusione: i belati di Agnelet, il mercante che riconosce Pathelin come il cliente che lo aveva imbrogliato. Il mercante chiede la restituzione di stoffa e montone, ma la confusione è tale che il giudice manda tutti a casa. 
L'avvocato chiede a Aignelette la sua parcella, ma Aignelette gli risponde belando. L'imbroglione risulta così alla fine imbrogliato. La farsa è vivace. Rispetto ai modelli precedenti, presenta un intreccio più solido e dei personaggi meglio definiti. Pathelin viene considerato il primo "borghese" del teatro francese. La farsa è alla base della tradizione che porterà al teatro comico di Molière.
Non esistendo una traduzione Italiana del testo la compagnia dopo averne trovato il testo originale ha provveduto alla traduzione dello stesso con l’aiuto di Caterina Zarelli
Lo spettacolo è arrichito da un menestrello (Nicola Olla) che come nella tradizione medievale andava in giro a decantare le vicende narrate.

Foto Spettacolo

Articolo

Mostra altro

Foto Claudio Cassanelli

Foto dietro le quinte

Spettacolo del 22/03/2018

Teatro Alemanni

Regia: Maurizio Tonelli

Traduzione e adattamento: Caterina Zarelli - Maurizio Tonelli

Cast
Pathelin - Massimiliano Messere
Guillemette - Patrizia Angelone
Guillaume - Simone Tesini
Agnelette - Rachele Carbone 
Menestrello/Giudice - Nicola Olla

Note di regia


Pathelin (Massimiliano Messere) è un avvocato senza clienti, e imbroglia l'ottuso mercante di panni Guillaume (Simone Tesini): il mercante va in casa dell'avvocato per riscuotere il prezzo di una pezza di stoffa, ma Pathelin si fa trovare a letto delirante. La moglie di Pathelin (Patrizia Angelone) convince il mercante che c'è stato un errore di persona. Il mercante è stato vittima, oltrettutto, di un furto di pecore da parte di una pastorella Aignelette (Rachele Carbone) (nella versione originale è un pastore di Aignele): Guillaume lo cita davanti al giudice, ma la pastorella è difesa da Pathelin. L'avvocato consiglia alla pastorella di rispondere alle domande del giudice (Nicola Olla) con dei belati. Al processo è la confusione: i belati di Agnelet, il mercante che riconosce Pathelin come il cliente che lo aveva imbrogliato. Il mercante chiede la restituzione di stoffa e montone, ma la confusione è tale che il giudice manda tutti a casa. 
L'avvocato chiede a Aignelette la sua parcella, ma Aignelette gli risponde belando. L'imbroglione risulta così alla fine imbrogliato. La farsa è vivace. Rispetto ai modelli precedenti, presenta un intreccio più solido e dei personaggi meglio definiti. Pathelin viene considerato il primo "borghese" del teatro francese. La farsa è alla base della tradizione che porterà al teatro comico di Molière.
Non esistendo una traduzione Italiana del testo la compagnia dopo averne trovato il testo originale ha provveduto alla traduzione dello stesso con l’aiuto di Caterina Zarelli
Lo spettacolo è arrichito da un menestrello (Nicola Olla) che come nella tradizione medievale andava in giro a decantare le vicende narrate.

Locandina

Foto Spettacolo

Foto Spettacolo

Foto da filmato

Mostra altro

Foto dietro le quinte

© 2023 by THEATER COMPANY. Proudly created with Wix.com